PROGETTO PON – SIA

Descrizione il programma.

L’Ambito Territoriale Sociale di Venafro ha preso parte ai finanziamenti stanziati sul PON SIA. Con il Programma Operativo Nazionale (PON) Inclusione 2014-2020, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo, per la prima volta i fondi strutturali intervengono a supporto delle politiche di inclusione sociale.

Il PON, in particolare, intende contribuire al processo che mira a definire i livelli minimi di alcune prestazioni sociali, affinché queste siano garantite in modo uniforme in tutte le regioni italiane, superando l’attuale disomogeneità territoriale.

La maggior parte delle risorse sono destinate agli Assi 1 e 2, volti a supportare l’attuazione del Reddito di inclusione (REI) e precedentemente del Sostegno per l’inclusione attiva (SIA). I due Assi prevedono anche azioni volte a potenziare la rete dei servizi per i senza dimora nelle aree urbane.

Il Programma inoltre sostiene la definizione e la sperimentazione, attraverso azioni di sistema e progetti pilota, di modelli per l’integrazione di persone a rischio di esclusione sociale, nonché la promozione di attività economiche in campo sociale (Asse 3), azioni volte a rafforzare la capacità amministrativa dei soggetti che, ai vari livelli di governance, sono coinvolti nell’attuazione del Programma (Asse 4) e azioni volte a supportare l’Autorità di Gestione nell’attuazione del Programma (Asse 5).

Il PON Inclusione si raccorda con i Programmi Operativi regionali, nonché con il FEAD (Fondo di aiuti europei agli indigenti) e con il PON Città Metropolitane.

La Commissione Europea ha deciso di destinare risorse aggiuntive al PON Inclusione per interventi di “Accoglienza e Integrazione migranti” da attuare nelle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e nelle Regioni in Transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna).

La riprogrammazione del PON Inclusione è stata approvata con Decisione C(2017) n. 8881 del 15 dicembre 2017 e prevede risorse aggiuntive pari a 56 milioni di euro a valere sul Fondo sociale europeo (FSE) e 25 milioni di euro di corrispondente quota di cofinanziamento nazionale, come previsto dall’art. 120 del Regolamento 1303/2013. La nuova disponibilità finanziaria del PON Inclusione è pari a 1.320.200.000,00 euro.

 

Operatori coinvolti nella realizzazione del Progetto.

I programmi raggiungibili dal PON SIA sono nella prima fase di realizzazione. Quindi al momento non ci sono terzi operatori coinvolti oltre l’ATS di Venafro e l’Autorità di Gestone (Direzione Generale per l’Inclusione e le Politiche Sociali).

 

Risultati raggiunti.

Come predetto i finanziamenti ottenuti ancora non sono stati utilizzati. Dal mese di aprile si inizieranno ad avviare le attività programmate per l’anno in corso (potenziamento della capacità amministrativa e gestione delle Borse Lavoro in attività –Azione 7.1.1)

Si prevede in accordo con il prosieguo delle attività prevista dal Reddito di Inclusione di attivare dei Tirocini per le persone risultate essere vincitrici del beneficio, come previsto da bando INPS.

Distribuzione territoriale.

Non e prevista una distribuzione territoriale. Ma tutti gli interventi attivati dall’ATS di Venafro ricadranno equamente su tutti gli enti dell’ATS stesso.